Tour Courbet, il Safari subantartico

Tour Courbet, il Safari subantartico

postato in: Animals, Experience | 2

Quello di ottobre è il terzo Tour Courbet dell’anno. Un trekking di circa 150 Km sulla costa est della Penisola Courbet. L’obiettivo dell’uscita è campionare invertebrati e monitorarne le densità.
Conosciamo già il percorso, i paesaggi che ci attendono, ma questa uscita ha qualcosa di particolare: la primavera! Già da settembre sentivamo l’arrivo di questa bella stagione, non segnalato da fiori o colori come in Europa, ma dal ritorno degli animali. Lungo ogni camminata per raggiungere la “cabane” successiva osserviamo gruppi di renne, pinguini papua (Pygoscelis papua), skua subantartici, gabbiani… Sulla costa nord, le colonie di Gorfou macaroni ( Eudyptes chrysolophus) si sono riempite di simpatici e rumorosi pinguini dalle sopracciglia gialle. Alcuni pulcini di Albatros urlatore (Diomedea exulans) tastano le brezze saltellando e sbattendo le ali: nati in marzo, prenderanno il volo in dicembre. Bello vedere i “primi passi” di questi pulcini che solcheranno le onde e i venti australi per più di 50 anni, emozionante.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Pulcino di albatros urlatore che tasta la brezza

Ogni spiaggia è ricoperta di migliaia di elefanti marini: gli harem, gruppi di femmine mature, si susseguono sulla costa controllati dai “pacha”, i maschi dominanti, immensi animali che possono raggiungere le 4 tonnellate di peso!! Tutto questo avvolto in mille rumori: il richiamo dei cuccioli neonati, le risposte delle loro madri, il ruggito dei pacha per scacciare i maschi periferici: atmosfere indimenticabili.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Albatros fuligineux
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Elefanti marini, maschio e femmina

Gli albatros fuligineux (Phoebetria palpebrata) cominciano a volteggiare lungo le falesie di Cap Noir: la stagione riproduttiva incomincia anche per questa elegante e agile specie di albatros. La colonia di Ratmanoff, ultima tappa prima del ritorno in base, si riempie progressivamente di adulti di pinguino reale che vanno ad aggiungersi ai pulcini, “palle di piume” marroni che qui hanno passato il lungo inverno. Il bel tempo ci accompagna, le emozioni sono tante, difficile tornare in base dopo 8 giorni di safari subantartico: resteranno stupendi ricordi di questa uscita primaverile!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
pulcino di Pinguino reale
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Pinguini papua

 

Segui Matteo:

Ultimi messaggi

2 risposte

  1. E’ sempre emozionante, leggendo i tuoi racconti, immergersi in quell’ambiente restio e freddo ma comunque pieno di vita… immaginare di camminare di fianco a te e vedere quelle specie animali nel loro habitat naturale…
    Bravo Matteo!!! 😉

  2. Semplicemente stupendo … un luogo dove la Storia non è (quasi) mai arrivata ! Come si integrano le renne con la flora e la fauna?

Lascia un commento